Questione di temperatura.

physiott_schema

19 giu Questione di temperatura.

Come distruggere la cellulite con la termoregolazione.

Avete mai provato a fare un analisi tattile approfondita della vostra cellulite?
Certo, mi risponderete.
E cosa avete scoperto?
Semplice, una flaccidità diffusa, piuttosto che una compattezza con delle granulosità, la pelle a buccia d’arancia e così via.
Ma la mia domanda è un’altra, qual è la sensazione termica che avvertite? Freddo?
Bene siamo sulla strada giusta. La zona dove si accumula cellulite ha un notevole e sensibile calo termico, in quanto i trigliceridi compatti fra di loro bloccano il microcircolo periferico con un conseguente abbassamento della temperatura distrettuale. Il calo termico può arrivare fino a 32°C rispetto ai 37-37,5°C fisiologici. Di conseguenza se non miglioriamo questo semplice parametro non riusciremo ami a sconfiggere sul serio la cellulite.
Ora sarete voi a farvi un domanda? Come facciamo a regolare la temperatura corporea di quella zona e ripristinate il microcircolo?
La nostra risposta a questo quesito è l’utilizzo di una tecnologia semplice ma efficace la PHYSIO TT di HumanTecar®. La Pyisio TT incrementa la temperatura locale, esclusivamente nella zona
interessata dall’addensamento adiposo, attraverso fasce di avanzatissima tecnologia (Resistance Tissue), un tessuto/resistenza che diffonde omogeneamente un leggero calore . Il calore prodotto superficialmente genera, in profondità, un incrementando la temperatura corporea, nella zona specifica. La reazione fisiologica del corpo umano è quella di migliorare il microcircolo e quindi attivare il metabolismo dei trigliceridi in maniera fisiologica.
Quindi, gioco forza, avremmo un accrescimento del metabolismo e di combustione dei grassi. In questo modo otterremo la trasformazione dei trigliceridi in glicerolo con immissione di quest’ultimo nel circolo sanguigno. La cosa straordinaria è, che tanto più è evidente l’adiposità, tanto più visibile sarà il risultato.
Le fasce termiche creano un calore omogeneo su tutta l’area trattata, senza che vi siano zone più calde o più fredde. Il controllo della temperatura locale a 37°C durante il trattamento, attiva gli enzimi senza provocare un’eccessiva sudorazione, ma bensì generando una trasudazione che è il processo fisiologico di eliminazione dei grassi attraverso la pelle.
L’associazione di un ciclo di trattamenti a una dieta e un’attività minima allenante, si è riscontrato una perdita di peso nell’80% dei casi.
Inoltre da non sottovalutare è che studi scientifici hanno dimostrato come l’applicazione delle fasce, per 45 minuti, abbassino sensibilmente il cortisolo nel nostro organismo, e se siete state attente avrete capito bene quali effetti devastanti ha il cortisolo sulla cellulite.

(scritto da Dario Biglietto)